26.8 C
Roma
giovedì 19 Maggio 2022
- Advertisement -

Il Presidente Sultano

La Turchia non sposta le lancette ed è sempre più lontana dall’Europa

Di Eugenia Nargi

Esattamente settantotto anni fa moriva Gazi Mustafa Kemal, divenuto in seguito Atatürk, creatore e guida della Stato nazionale. Una figura politica molto amata dal popolo turco che oggi rischia di essere oscurata da una personalità altrettanto emblematica e carismatica: Recep Tayyip Erdoğan, da molti considerato il padre padrone della Repubblica turca.

Il tentato colpo di stato dello scorso 15 luglio ha in qualche modo aiutato il Presidente a ribaltare le sorti del suo Paese, dandogli finalmente la possibilità di eliminare la parte più decisa e pericolosa dell’opposizione. Nelle settimane successive al tentato Golpe, poliziotti, giudici, insegnanti sono stati sollevati dai propri incarichi e arrestati. Le forze armate, vecchio baluardo della Repubblica kemalista, sono state umiliate dalla polizia, perdendo prestigio e credibilità.

Un colpo di stato che mirava alla destituzione del Presidente e che invece ha portato alla sua consacrazione, aumentando la cerchia dei suoi sostenitori ed innalzando sempre di più la figura di Erdoğan a secondo profeta dell’Islam.

Senza alcuna remora la macchina epuratrice dello stato turco ha continuato a lavorare imbavagliando la libera informazione, demotivando ed emarginando i movimenti di protesta (ben lontani appaiono i tempi della rivolta del  Gezi Parki), fino a giungere all’incarcerazione di nove parlamentari del partito democratico del popolo (HDP) e dei suoi leaders Demirtas e Yuksekdag privati da maggio dell’immunità parlamentare con l’accusa di propaganda terroristica ed affiliazione al partito dei lavoratori del Kurdistan (PKK).

La Turchia appare sempre più lontana dall’UE e non solo dal punto di vista ideologico. Infatti, mentre gran parte dell’Europa e degli Stati Uniti nella notte tra sabato 29 e domenica 30 ottobre hanno spostato indietro le lancette di un’ora, in Turchia nulla è cambiato.

Il cambio della fascia oraria di riferimento l’ha portato ad “allontanarsi” di un’ora dai propri partner commerciali principali (i paesi europei, appunto), azzerando di contro le distanze con quelli dell’Eurasia e del Medioriente. Il passaggio alla nuova fascia oraria sembra andare incontro alle partnership che Ankara sta siglando proprio con l ’Arabia Saudita i paesi Africani e con la Russia di Putin, non a caso la cordialissima relazione tra Ankara e Mosca ha ripreso il suo corso.

Ci sono stati ben tre incontri nel giro degli ultimi mesi: il 9 agosto a San Pietroburgo, il 4 settembre ad Hangzhou ed infine il 10 ottobre in Istanbul.

Per concludere, citando il pensiero di Daniele Santoro: “Erdoğan è un leader senza dubbio spietato, affarista senza scrupoli, un idealista radicale. Ma è anche un inguaribile sognatore, Erdoğan sogna un mondo diverso, un mondo che sia più grande di cinque, in definitiva sogna di essere incoronato leader unico del mondo musulmano

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

- Advertisement -
- Advertisement -

Articoli Correlati

- Advertisement -