11.8 C
Roma
sabato 31 Ottobre 2020
- Advertisement -

Il Senegal al Mondiale del 2002, una nazionale che fece le storia

Il Senegal al Mondiale del 2002 è stato l’emblema di un calcio fondato sull’umiltà di chi ancora crede in questo sport come puro divertimento. Calcare un manto erboso prendendo a calci un pallone con spensieratezza, istinto, allegria e tanta voglia di mettersi in gioco.

Senegal mondiale

Ci sono storie incredibili che navigano in mari aperti, altre semplicemente nate in luoghi o nazioni confinate in angoli remoti del globo. Miracoli che si compiono in mezzo al deserto, tra la povertà e la malattia. Ci sono avventure pressoché indimenticabili, trascorse inseguendo un sogno proibito. Laddove l’impossibile diventa possibile e solo il cuore conosce a memoria le mappe che hanno condotto a quelle destinazioni.

Il Mondiale nippo-coreano del 2002 rivela grosse sorprese fin dal sorteggio dei gironi. Cina, Senegal, Costa Rica e Slovenia sono le matricole che portano nuovo entusiasmo alla competizione. Nessuno però può immaginare che una di queste segnerà indelebilmente le pagine di quell’edizione mondiale, dando un enorme schiaffo al calcio “dei tatticismi”.

Dal vecchio al nuovo Senegal

Il mondiale del Senegal simboleggia  un “rivoluzionario” modo di concepire questo sport, votato esclusivamente al divertimento.

Prima del 2002 il calcio in Senegal ha stentato a decollare, soprattutto a causa di un precario sistema organizzativo e di strutture poco adeguate. Le maggiori responsabilità sono di una federazione senza soldi né idee e di un CT, il tedesco Peter Schnittger, che, adottando metodi di insegnamento troppo drastici, aveva gradualmente assistito ad una vera e propria diaspora dei migliori “Leoni”. Gesta severe, cura massima del look e un calcio soffocato dagli eccessivi tatticismi, portarono solo ad un malessere collettivo.

Il 2002, la svolta. Come Commissario Tecnico viene nominato un francese: Bruno Metsu. L’ex allenatore della Guinea sembra quasi una buffa caricatura, appena uscita da un manga giapponese. Si definisce “un bianco col cuore da nero”, eterno amante della sfera che rotola incerta sui campetti di periferia di tutto il mondo. La sua mentalità aperta conduce ad importanti cambiamenti. Lui, uomo di mondo semplice e pure un bel po’ ruffiano, intuisce che con certi personaggi sarebbe stato meglio fare il “compagnone” più che il CT.

Non avevamo bisogno di un poliziotto, bensì di uno come noi. Di uno che desse consigli, non ordini. Che sapesse motivarci.”

Metsu si cala al volo nel ruolo. Impara a parlare il wolof, sposa una senegalese, si converte all’Islam e con una buona dose di pragmatismo trasforma una nazionale “spenta” in una grande famiglia. Da qui ha inizio il suo lungo cammino, che lo porterà ben presto ad esser etichettato come “il Profeta”. I Lions de la Teranga cominciano a vincere ripetutamente, consolidando il gruppo. Qualificazione al Mondiale, finale di Coppa d’Africa persa soltanto ai rigori contro il Camerun e alla fine lo storico ingresso nei quarti del Mondiale.

Ciò che veramente lo rendeva amato da tutti era la sua enorme disponibilità e la sua grande dose di naturalezza. Durante l’intero ritiro mondiale aveva pensato bene di lasciare libero il passaggio all’interno dell’albergo a parenti, mogli, amici. Si sentiva fratello di quella grande famiglia e figlio del continente africano. Niente catene, nessun vincolo, ma solo un modo semplice per responsabilizzare i suoi atleti.

Senegal mondiale

Davide contro Golia

Parte il mondiale e gli africani trovano all’esordio la potenza francese. Sembra uno scontro ai limiti dell’utopia, paragonabile alla leggenda di Davide contro Golia. Il calcio pieno di fama, ricchezza e potere da un lato, un’allegra e folkloristica combriccola di ragazzotti dall’altro.

ll palo colpito da Trezeguet sembra presagire tristi sventure per i giovanotti africani. Poi, improvvisamente, il gigante si rilassa. La matricola ne approfitta e sferra il colpo, andando incredibilmente in vantaggio. Il marcatore è Papa Bouba Diop. Mentre il mondo resta annichilito, i ragazzi improvvisano una strana danza attorno alla maglia. Uno di quei balli africani tipici de “le petit village“, che di solito si praticano a piedi nudi, in una di quelle terre invase da superstizioni e sofferenze, mentre il cuore viaggia alla ricerca di una speranza. Al sopraggiungere del triplice fischio, davanti allo stupore generale, il tabellone segna Golia 0 – Davide 1.

E’ l’inizio più incredibile nella storia di una competizione mondiale. Da quel momento il globo si innamorerà perdutamente di quei ragazzi. Henri Camara, El Hadji Diouf, Papa Bouba Diop e il loro storico capitano Aliou Cissé. Una nazionale sempre in festa, rumoreggiante, con un C.T. che, più che commissario tecnico, era diventato un fratello di quella famiglia allargata.

Un golden dream

Le due gare successive vedono due pareggi, rispettivamente con Danimarca e Uruguay. Entusiasmante il 3-3 con i sudamericani, con il Senegal avanti 3-0 dopo 38′ minuti e il pareggio firmato da un rigore di Recoba a due minuti dalla fine. Sono sufficienti 5 punti agli africani per strappare il biglietto degli ottavi.

Si vola ad Oita, in Giappone, dove ad attenderli c’è la Svezia che si è sorprendentemente imposta nel “gruppo della morte” su Inghilterra, Argentina e Nigeria. Gli scandinavi vanno subito avanti, complice un’uscita a vuoto del portiere Sylva. Il Senegal reagisce con Henri Camara, che si inventa un gol strepitoso. Per decidere chi passerà il turno si devono attendere i supplementari. Extra time che, all’epoca, prevedevano ancora quella sadica tortura del golden gol. Come al campetto sotto casa: “Chi fa questo, vince!

Dopo 5 minuti di supplementari la storia sembra aver deciso che sia giunto per il Senegal il momento di salutare il mondiale, ma il tiro di Svensson si schianta incredibilmente sul palo. Al min 104′ è un colpo da biliardo di Camara a spalancare le porte dei quarti al Senegal: un golden goal che vale il golden dream.

Senegal mondiale

La nazionale africana uscirà di scena a Nagoi il 22 giugno, facendone le spese ad opera della miglior Turchia di sempre. Tra le file turche militavano campioni del calibro di Hakan Sukur, Umit Davala, Emre Belozoglu, Yildiray Bastürk, Rüştü Reçber.

La fine di una generazione

Di lì a qualche anno quell’incredibile e gloriosa cavalcata sarebbe diventata solo un lontano ricordo. Quella sorprendente pagina calcistica, scritta dagli eroi di quella nazionale, avrebbe assistito ad una nuova diaspora dei suoi atleti più rappresentativi. Diouf, preso dal Liverpool dopo quel favoloso Mondiale, sarebbe naufragato nel suo mare di eccessi e bravate fuori e dentro il campo. Khalilou Fadiga, acquistato dall’Inter, non avrebbe mai messo piede in campo, fermato da problemi cardiaci alle visite mediche. Altri avrebbero raccolto ingaggi in piccole e medie squadre di tutta Europa. Bruno Metsu, il profeta di quella nazionale, lo ha strappato alla vita un bruttissimo cancro diagnosticatogli nell’Ottobre del 2012.

Quell’estate è rimasta nel cuore dei Leoni africani, I Lions de le Teranga. Ancora oggi, a distanza di quasi vent’anni, pensiamo a loro: al Profeta Metsu e al suo Senegal dei miracoli.


A cura di Andrea Capolli

Andrea Capolli
Andrea Capolli
Ho studiato lingue, letterature straniere e studi interculturali all’Università di Firenze. Sono eterno amante della cultura ispano latina, partendo naturalmente dalla lingua spagnola per arrivare al baile latino americano. Lo sport e la scrittura sono sempre state altre due mie grandi passioni. Scrivo ormai da qualche annetto e gestisco un blog personale chiamato ”Coriandoli nostalgici”. Nel tempo libero amo follemente viaggiare: ”Preferisco un passaporto pieno di timbri che una casa piena di cose”.

Il Senegal al Mondiale del 2002, una nazionale che fece le storia

Il Senegal al Mondiale del 2002 è stato l’emblema di un calcio fondato sull'umiltà di chi ancora crede in questo sport come puro divertimento....

Byron Moreno, una vita segnata dal calcio e dal narcotraffico

  Tutti ce lo ricordiamo. Purtroppo però fu tutt’altro che un'esperienza da ricordare per molti tifosi azzurri e in primis per la nazionale dell’allora C.T...

Calcio di strada, un viaggio tra mito, nostalgia e realtà

Le nuove tecnologie e l’allontanamento dal calcio di strada hanno portato il movimento italiano, su tutti, ad una mancanza di talento assoluto. E i...

Il Senegal al Mondiale del 2002, una nazionale che fece le storia

Il Senegal al Mondiale del 2002 è stato l’emblema di un calcio fondato sull'umiltà di chi ancora crede in questo sport come puro divertimento....

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

- Advertisement -
- Advertisement -

Articoli Correlati

Il racconto dell’ultimo mese in dieci meme: luglio 2020

Los Angeles Layers - 06/07/2020 La morte del Maestro Ennio Morricone ha scosso tutti. I suoi spaghetti western resteranno ineguagliabili. Paolo Provveduto su Cittadini d'Abruzzo -...

Byron Moreno, una vita segnata dal calcio e dal narcotraffico

  Tutti ce lo ricordiamo. Purtroppo però fu tutt’altro che un'esperienza da ricordare per molti tifosi azzurri e in primis per la nazionale dell’allora C.T...

6 aprile 1994, quando le gazzelle di Pontedera sconfissero l’Italia di Sacchi

Nei libri di storia del calcio tutto è stato oscurato. Negli archivi online, invece, permane ancora qualche frammento di quella che, da molti, è...

Paulo César Wanchope: il cestista che divenne goleador

Dietro alle grandi favole, c'è sempre qualcosa pronto a stupirci. Così, esattamente allo stesso modo, dietro ai grandi racconti di sport esiste una componente...

Djalminha; il brasiliano del Futebol Moleque

Quando si fa riferimento ai talenti brasiliani e al loro modo estroso di esprimere ed intendere il calcio si percepisce spesso qualcosa di sovrannaturale, che in...
- Advertisement -