11.2 C
Roma
lunedì 23 Novembre 2020
- Advertisement -

Natura collecta, Natura exhibita – il collezionismo scientifico dei Medici

Una mostra particolarmente interessante è quella che, da calendario, si sarebbe dovuta concludere ieri martedì 31 marzo 2020 negli spazi espositivi del Salone Donatello della Basilica di S. Lorenzo a Firenze. L’evento, tuttavia, per il momento è sospeso in seguito alle misure adottate per il contrasto al Coronavirus.

La mostra “Natura collecta, Natura exibita. Il collezionismo naturalistico a Firenze dai Medici al Museo di Storia Naturale” è stata promossa dalla collaborazione di Sistema Museale di Università degli studi di Firenze, Opera Medicea Laurenziana e Parrocchia di S. Lorenzo.

La sua peculiarità risiede nell’aver proposto un percorso espositivo con i riflettori sul collezionismo scientifico di un periodo storico compreso tra il tardo Medioevo e l’epoca medicea.

 

Il collezionismo scientifico: una prassi antica

Le basi di questa pratica risalgono all’età tardo-medioevale con il fenomeno della secolarizzazione delle reliquie. In seguito, si sviluppò nel Rinascimento fino a concretizzarsi nei famosi “studioli” e “guardaroba” tanto cari alla famiglia Medici.

Attraverso 150 reperti rappresentativi di varie discipline scientifiche, la mostra illustra l’evoluzione del collezionismo naturalistico. In particolare, viene messo in risalto il profondo interesse mediceo per i “gioielli della natura” e tutti quei manufatti etnografici provenienti da terre molto lontane. Tra questi figurano minerali, conchiglie, animali esotici e rari volatili. Come l’Ibris rubra, un uccello tropicale con le cui piume veniva realizzato un mantello indossato dai sacerdoti del culto del dio Sole della popolazione precolombiana dei Tupinambà.

Ibris rubra

 

La mostra

Gli straordinari ed opulenti oggetti appartenuti a Lorenzo il Magnifico e ai discendenti della sua casata aprono la mostra. Essa si sviluppa poi attraverso l’istituzione della Galleria dei Lavori (ora Opificio delle Pietre Dure), per approdare ad una serie di 58 tele ad olio di Bartolomeo Bimbi, risalenti alla metà del XVII secolo e raffiguranti “la bellezza del divenire nella natura”.

Una speciale sezione è infine dedicata a Niccolò Stenone. Colui che nel XVII secolo, grazie all’avvento del metodo galileiano e al nuovo metodo di studio dei reperti, rivoluzionò le scienze geologiche, enunciando i principi della cristallografia, della stratigrafia e l’origine biologica dei fossili.


A cura di Azzurra Tasselli

Avatar
Mi presento: mi chiamo Tasselli Azzurra, ho un diploma Magistrale conseguito alla Giovanni Pascoli, dove ho frequentato per 5 anni il liceo socio-psico-pedagogico. Dopodichè mi sono laureata in Filosofia, indirizzo Filosofia Morale, al Pellegrino in via Bolognese (facoltà di Lettere e Filosofia, Dipartimento di Filosofia, Università degli Studi di Firenze). Attualmente lavoro al C.S.E Il Totem e alla biblioteca delle Oblate a titolo di inserimento socio-terapeutico.

I tesori della morte: Tutankhamon in mostra a Firenze

Mai sentito parlare di Tourisma? Si tratta del Salone Internazionale dell’Archeologia che si tiene ogni anno al Palazzo dei Congressi di Firenze. Durante questa quinta edizione...

Una mostra “ricamata”: il merletto e il pizzo nell’arte del ‘600

Il merletto, status symbol che ha contraddistinto l'intero XVII secolo, è il protagonista della mostra originale conclusasi a Palazzo Davanzati a Firenze lo scorso...

Natura collecta, Natura exhibita – il collezionismo scientifico dei Medici

Una mostra particolarmente interessante è quella che, da calendario, si sarebbe dovuta concludere ieri martedì 31 marzo 2020 negli spazi espositivi del Salone Donatello...

I tesori della morte: Tutankhamon in mostra a Firenze

Mai sentito parlare di Tourisma? Si tratta del Salone Internazionale dell’Archeologia che si tiene ogni anno al Palazzo dei Congressi di Firenze. Durante questa quinta edizione...

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

- Advertisement -
- Advertisement -

Articoli Correlati

I tesori della morte: Tutankhamon in mostra a Firenze

Mai sentito parlare di Tourisma? Si tratta del Salone Internazionale dell’Archeologia che si tiene ogni anno al Palazzo dei Congressi di Firenze. Durante questa quinta edizione...

Grunge Revolution: dai Nirvana al “Seattle sound”

  Prende avvio a Firenze, dal 2 Luglio al 18 Ottobre presso Palazzo Medici, la mostra fotografica dedicata alla nascita dei Nirvana e all’esplosione di...

Sardine a Firenze: intervista a Cristiano Atticciati, organizzatore della manifestazione

  Buonasera cari amici di Tomorrow, un saluto da Michele Seremia. Mi trovo in Piazza della Repubblica a Firenze, dove a breve si svolgerà l’attesa...

Uffizi, alla scoperta della tessitura con la mostra “Tutti i colori dell’Italia ebraica”

Inaugurata agli Uffizi il 27/06/2019 e in programma fino al 27/10/2019, la mostra in questione rappresenta un tuffo nell’Italia dei ghetti ebraici oltre che...

Lessico femminile. Le donne tra impegno e talento in mostra a Firenze

Uno dei più attesi eventi della stagione primaverile è senza dubbio quello che ha luogo nella Sala del Fiorino, all’interno della Galleria d’Arte Moderna...
- Advertisement -