In Barriera di Milano, via Petrella, esiste da qualche anno un posto speciale chiamato “il boschetto”. Al suo interno lavorano e si divertono persone di ogni fascia di età e con diverse storie alle spalle. Giuseppe Deplano è uno degli ideatori del progetto Agrobarriera, nonchè dello Swap Party che si terrà domani a Torino, proprio in Via Petrella. Ieri pomeriggio siamo andati a trovare Giuseppe al Boschetto e gli abbiamo fatto qualche domanda.

Ciao Giuseppe, ci spiegheresti in cosa consiste uno Swap Party?

Swap significa scambiare. Swap Party per noi diventa un’occasione per scambiare dei vestiti, ma anche e soprattutto dar vita ad un momento di consumo critico. Il mercatino sostenibile che creiamo è un pretesto per fare due chiacchiere, riflettere sulle nostre abitudini e su come ridurre il loro impatto sull’ambiente.

swap party torino agrobarriera boschetto

 

Come avviene esattamente lo scambio dei vestiti?

Basta portare 5 capi puliti e in buone condizioni o accessori come borse, cappelli, cinture e sciarpe. Un’ottima occasione per disfarsi di abiti che non si utilizzano più, scambiarli per ottenere altri indumenti e rifarsi un guardaroba a costo zero.

E l’impatto sull’ambiente è praticamente nullo…

Esatto. Swap Party s’inserisce nel più ampio contesto del BeeGreen – Festival della Sostenibilità e ha luogo nella cornice del Boschetto. Qui organizziamo spesso eventi legati all’autoproduzione, al consumo critico e alla lotta allo spreco. Il nostro obiettivo è sensibilizzare sulle tematiche ambientali e stimolare la partecipazione attiva delle persone, per cambiare le cose a partire da piccoli gesti quotidiani.

Il Boschetto è un nome d’arte o esiste davvero?

Il Boschetto è un posto reale. Si trova in Barriera di Milano, via Petrella, ed è uno spazio dedicato all’agricoltura urbana e all’inclusione sociale. Qui si incontrano persone di diverse fasce di età e con diverse storie alle spalle che hanno voglia di passare del tempo insieme e dedicare delle ore settimanali alla gestione dell’orto. Si socializza e si lavora la terra in compagnia.

 

Quando e come nasce il Boschetto?

Il Boschetto ha poco più di 2 anni ed è un progetto che ho realizzato insieme a RE.TE. ong, associazione di cui faccio parte. RE.TE. è attiva sia all’estero (Bosnia, Nicaragua, Honduras e Senegal), sia in Italia, soprattutto in Piemonte. Cambiamento, lotta alla povertà, auto-organizzazione e sviluppo sostenibile a favore dei soggetti svantaggiati ed esclusi sono le tematiche chiave attorno a cui lavoriamo ogni giorno.

 

 

 

 

 

 

 

The following two tabs change content below.
Pierdomenico Bortune

Pierdomenico Bortune

"Il racconto è presente in tutti i tempi, in tutti i luoghi, in tutte le società; il racconto comincia con la storia stessa dell'umanità; non esiste, non è mai esistito in alcun luogo un popolo senza racconti." R. Barthes 
author

Pierdomenico Bortune

"Il racconto è presente in tutti i tempi, in tutti i luoghi, in tutte le società; il racconto comincia con la storia stessa dell'umanità; non esiste, non è mai esistito in alcun luogo un popolo senza racconti." R. Barthes 
Show Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *